lunedì 28 febbraio 2011

No emotions, just Apathy.


Se mi chiedete perchè l'ho fatto,
non lo so nemmeno io...
Ad essere sincera ultimamente non so più il perchè dei miei comportamenti.
Agisco come se non me ne fregasse niente della realtà delle cose, e le vedessi solo dal mio punto di vista... come se persino tagliarsi in questo modo fosse normale.
Certo, come se fosse una cosa che fanno tutti... ma nessuno capirebbe.
Mi sono incisa una G. Ammetto che ho pianto... ma mi sono sforzata. Implorando a vuoto di poterlo rivedere, ho avuto pietà di me stessa... mi sentivo morire da sola.
Anzi, il mio corpo era vivo e il mio cuore morto. Morto completamente. O quasi...
Ho cercato nelle viscere del mio cuore tracce di polvere di tutto l'amore che provavo per lui... ma non so perchè, non ho trovato che granelli di amore... ho pianto una, due lacrime, e poi basta...
Non provo più emozioni di nessun tipo. Ora so perchè le cerco nel cibo. Perchè nella vita non c'è più niente (e dico NIENTE) che permette al mio cuore di battere...
So che se potessi rivedere lui, o almeno sentirlo, qualcosa in me si smuoverebbe... ma lui non lo vedo da 3 mesi, 3 lunghi mesi... 3 mesi in cui la mia vita non è esistita.
Eccetto quelle poche volte che lo ho sentito, pochissime... 3 volte in 3 mesi.

Ma sì, in fondo cosa posso farci...? Domani ricomincerò la mia giornata, aspettando l'ora dei pasti per ingerire quantità spropositate di cibo e poi meditare su come liberarmene... la mia vita ha perso senso, e pensare che una volta lo aveva... già, lo aveva...

Che sapore ha... la Libertà?


Ultimamente mi chiedo spesso che sapore abbia la LIBERTA'.
Credo di averlo provato, esattamente un istante fa che sono uscita a camminare.
L'ultima volta che ho provato quella sensazione... sarà stato 2-3 anni fa. O forse mai..?
E' una sensazione strana. Camminavo sulla strada noncurante della gente che mi guardava, della gente frettolosa di andare a casa a cena parcheggiare macchine, suonare i clacson... ma che avete da essere così frenetici? La vita ce la si gode nella calma!
E io me ne frego... me ne frego dei ritmi che il mondo vuole darmi.
Io voglio avere i miei ritmi.
Voglio stare in casa quanto mi pare, voglio uscire dove e quando mi pare, voglio mangiare quando e come mi pare... sono incredibilmente stanca delle regole.
Tutti a dirmi cosa fare... dove andare... ora cosa mi verrebbe da dire a tutti quelli che mi hanno sovraccaricata di piaceri, richieste ed ordini?_
"-Andatevene felicemente a fanculo-". Con un sorriso.
Mi veniva da pensare... ai ragazzi che dicevano che non volevano una come me, perchè ero...troppo alta...troppo magra...troppo silenziosa...troppo romantica... troppo tutto.
Ora di quel "Troppo" io ci rido. Una volta era una tragedia sentirmelo dire.
La realtà è che la vita va al contrario. Sempre.
E le cose si capovolgono, le cose non durano uguali a lungo...cambiano sempre. C'èra anche un filosofo che la pensava così... non ricordo bene chi.
E devo dire che questa cosa l'ho capita solo quando è successa a me... che dai digiuni sono passata alle abbuffate... che da un anno che ero ossessionata da G. ora mi sento più libera di una farfalla... forse per questo mi sento strana, un po' vuota... forse sono soltanto L i b e r a.
Quando spariscono i sensi di colpa per chi sei, puoi dire di esserlo.
E io non ho più sensi di colpa verso me stessa... non devo più niente a nessuno.
Anzi sì, devo solo una cosa a me stessa: la FELICITA'.
E giuro che per darmela ora farei qualsiasi cosa... per rendere felice me stessa.
In primis, voglio dimagrire...ma non da fare pazzie... voglio dimagrire tranquillamente, senza togliermi i miei amati biscotti, senza uccidermi di palestra... semplicemente stando sulle 1800 calorie o 1500, non importa, l'importante è che io faccia movimento.
E potrei raggiungere "almeno" i 75kg entro quest'estate.
Anzi se da domani che è il 1 marzo mi metto di impegno, potrei benissimo avere 10kg in meno già per il 1 maggio.
A scuola non riesco ad andarci... perchè quando sono sotto scuola mi vengono le crisi di panico, (anche se può sembrare una cazzata, non lo è), mi metto a piangere o peggio mi viene voglia di tagliarmi... non so quante volte ho provato ad andarci, ma niente... se sentissi le loro domande, dei miei compagni, mi renderei conto di essere stata "bulimica", mi verrebbe voglia di fuggire...
E la cosa che mi fa più male e più mi spinge a mangiare, è che io ho passato un inferno mentre i miei credevano che fossero solo capricci...
Forse potrei comunque dare gli esami senza frequentare, non lo so... ma davvero alla scuola non riesco a pensarci... perchè se ci penso so già che la soluzione ai problemi vado a cercarla nel cibo... e questa cosa? Ma chi diavolo potrebbe capirla qui in questa casa...?
Nessuno. Appena mia madre mi parla della scuola divento cattiva, mi chiudo in camera mia per non fiondarmi sulle lamette o sulle forbici... e non posso farci nulla.
Voglio essere lasciata in pace.
Sto riconquistando la pace in me stessa dopo un periodo terribile, e i miei non sanno ne possono capire niente... quindi è meglio se mi tengo il silenzio.
Già se mio padre sapesse del vomito, delle abbuffate, che l'origine di tutto questo è... G... non ci voglio nemmeno pensare. Intanto LUI me lo sono tolta dalla testa ed è già un gran passo.
Non voglio pretendere da me stessa tutto in un colpo. Voglio rispettare i miei tempi.

Ma per qualcuno questo è sbagliato, per qualcuno dovrei uscire, sorridere, essere serena, fingere che vada tutto bene, andare a scuola... e certo, chi non ha avuto questi problemi la farà sempre così scioccamente facile.

Riprovarci...? Non è mai sbagliato. Riprovarci è la vera vittoria!

uhm... con le calorie oggi sono rimasta a 2500. Ho scalato di 300. Non male.
Voglio ripartire passo per passo, perchè solo così potrò ridurre le calorie veramente.
Intanto da 4800 sono sempre più scalata e... risultato? Non mi è capitato più di superare le cifre raggiunte! 4800>3500>2800>2500.
Ma poi ho scoperto un piccolo trucco.
Ovvero mangiare a pranzo della pasta, o dei gnocchi, comunque dei carboidrati complessi... oggi non sono neppure riuscita a finire una scatola di biscotti come sono solita a fare (residui di bulimia), e per me... è già un bel passo avanti:)
(In realtà mi ero portata i biscotti in camera, ma non ce l'ho fatta.. e li ho riportati in cucina).
In pratica poi ho deciso di sostituire i biscotti con i cereali, mangiare quando in casa ci sono i miei e soprattutto a tavola, e non di nascosto in camera mia.
I cereali hanno 1,5g di grassi mentre i biscotti 17g, e in pratica oggi con i grassi mi sono fermata a 30g che è la quantità giornaliera che NON fa ingrassare (di solito salivo a 50-60g).
E poi i cereali saziano di più, quindi... sono ottimi.
Teoricamente in questi due giorni dovrei avere perso qualche etto, visto che con il mio metabolismo posso arrivare fino a 2700cal. al giorno smaltite.
Ma per pesarmi voglio aspettare di limitarmi alle 1800 calorie.
Dunque, altri trucchi "anti-fame"... bè, mi metto sempre vestiti aderenti e strettissimi, primo perchè contrastano la fame, poi perchè se mangio troppo mi vedo la pancia gonfia, e quindi evito... Poi bevo come una spugna. Bevo 5 litri di acqua al giorno (se non di più).
Cellulite zero. Gambe misteriosamente toniche e pancia sgonfia. Pelle idratata e morbida. Capelli morbidi. Niente stitichezza... al bagno ogni ora... direi che è abbastanza!
E ora la sera ho deciso che voglio ritagliarmi una mezz'ora per uscire a camminare, o fare ginnastica in casa... sì mi basta mezz'ora! Tanto con il peso che ho brucio sulle 250kcal.

Poi cosa fondamentale... quando mi viene la depressione ora mi siedo davanti al pc a guardare un bel film, dove posso distrarmi dalla realtà... (possibilmente commedie romantiche) e la sera ascolto musica prima di dormire, di un gruppo anni 80 che amo tantissimo... Ieri notte volevo abbuffarmi, e invece ascoltando musica mi è passata la voglia totalmente! :)

G. ora mi passa per la testa solo ogni tanto... in sostanza, non ci penso più, mi sto dedicando totalmente a me stessa, alle mie passioni ecc. Quando lo rivedrò sento che sarò forte... forte... e lui non sarà più la mia debolezza. Mai più.
Per oggi non ho altre news.
Un abbraccio a tutte <3

domenica 27 febbraio 2011

Reset. Azzerare. and then Ripartire!

Ma complimenti Laura... complimenti... una bella abbuffata serale... e voilà siamo a nonsoquante calorie. Ho davvero il voltastomaco, in parole povere.
Certo, solo tu puoi cenare alle 22 con 250g di surimi, 1 fetta di torta di mele, 8 biscotti, 2 caramelle, 1 banana e mezzo vasetto di marmellata. Non so più che fare...
Voglio essere magra. Ma non si dimagrisce mangiando.
Questa non è fame.
Questa è disperazione.
Perchè pretendo di avere le cose senza fatica (facile).
Con me la bellezza è sprecata. Preferisco di gran lunga la magrezza.
E allora sto seriamente pensando di ridurre drasticamente le calorie e abbandonare ogni minimo grammo di carboidrati... perchè se ne tocco un grammo ne prendo 500.
Devo assolutamente prefissarmi una dieta.
E seguirla.

Ho due scelte. Non posso trovare vie di mezzo.
O la via delle abbuffate ---> Ingrassamento.
O la via della rinuncia ---> Dimagrimento.
Che cosa scegli, Laura...?

Fuck.Fuck.Fuck.
Vorrei per una fottutissima volta essere costante.
Vorrei sapere cosa voglio dalla vita.
Invece ho perso di vista tutto.
DEVO RITROVARE ME STESSA. DA QUALCHE PARTE STO.
Quella di adesso non sono io.

La Bulimia ha cancellato le mie emozioni. Ha cancellato la mia vita.


Credo che la Bulimia si porta via qualcosa di te... un pezzo.. e quel pezzo è quello che prima riusciva a farti provare due emozioni diverse: la felicità, e la tristezza.
Ma allo stesso modo riuscivo ad alternarle... se prima piangevo poi sorridevo.
Se ero felice e succedeva qualcosa di triste, mi sconfortavo ma trovavo sempre un rimedio.
Trovavo sempre la gioia da qualche parte dentro di me.
Perchè ora non ci riesco...?
La felicità da quando ho reso il cibo il mio più grande mezzo di consolazione, dura un momento che cerco di allungare il più possibile... ma quando la tristezza prende piede deve davvero succedere qualcosa di "particolare" per farmi provare qualche emozione.
Persino per farmi sorridere.
Odio stare in mezzo alla gente... proprio perchè non voglio lasciare trasparire il mio senso di vuoto. Non mi capisco. Giuro che non riesco più a capirmi... è come se avessi una seconda bocca dentro di me che a volte salta su e mi dice:
"Se vuoi stare bene vai a prendere qualcosa in frigo e in dispensa".
Non posso trovare spiegazioni a questo senso di sconforto, perchè non so neppure io che tipo di sconforto sia... non è più G., sarei un insulsa bugiarda se tirassi fuori lui.
Ieri sera ho pensato "Magari è lui che mi fa stare così...", ci ho pensato un po'... ma anche pensando a lui mi sentivo vuota. Neutrale. Nè felice, nè triste nè arrabbiata.
Riuscivo solo a pensare alle calorie assunte e quelle bruciate.
Riuscivo solo ad immaginarmi di nuovo magra, nella taglia Xs.
Nient'altro.
Forse mi libro su questo senso di vuoto.
Forse amo così tanto che il mio più grande problema siano le calorie, che per la vita non ho tempo... che mi importa solo di assumere e bruciare, assumere e bruciare... e la sola soddisfazione la ho quando riesco a diminuire le calorie anche solo di 100.
Forse l'amore mi ha ferita troppo... l'illusione... anche se non so che cosa darei per innamorarmi ancora... ma non voglio correre. Non voglio più inseguire chi nemmeno mi vede... perchè? Posso assicurare che questo toglie la voglia di crederci ancora.

E domani? Come faccio ad andare a scuola se mi sento senza il benchè minimo interesse per niente? Come faccio ad entrare in classe e rispondere a centomila domande che mi faranno?
Non so nemmeno come sto io. Mi sento uno schifo e basta.
E questa cosa dura da giorni...
A questo punto non so nemmeno se serva a qualcosa che io mi metta a dieta.
Non ho fame. Ma ho voglia di riempirmi di qualcosa... per provare anche una sola minima sensazione. Se davvero il problema fosse il mio peso mi sarei già messa a dieta da un bel po'... il vero problema è che non ho nessuna voglia di vivere.
Non sento nessuna spinta, nessuna motivazione.

Sarete anche stanche di sentirmi, leggere questi miei post vuoti e privi di decisioni, ma è così che mi sento... e non mi era mai capitato di perdere la voglia di vivere.
Giuro, mai... nemmeno quando da anoressica sono tornata a mangiare.
Il problema non è nel cibo... so solo questo.
E forse neppure nel mio peso.
Forse questo è un qualcosa di passaggio... o forse sono davvero nel fondo di qualcosa.
Se giorni fa sono arrivata a dire "Voglio morire", so solo che non l'ho fatto per capriccio... ma perchè qualcosa mi sta divorando le emozioni, i ricordi, i sentimenti, tutto...
Magari, e dico MAGARI, fosse tutto soltanto un capriccio.
Non lo è, punto e basta.
Ho bisogno di ritrovare la mia strada... ma mi sento perduta in mezzo ad una foresta vergine, dove non vedo nessuna via di uscita, anche se c'è... non so dove è.

Penso che andrò a cenare... non so nemmeno se anche questo sia giusto o sbagliato, so solo che è l'unica cosa che mi permetterà di provare qualcosa in tutto questo NIENTE che ho dentro.
E' meglio un senso di colpa.

Neve... candida neve..pulisci il mio cuore da tutto il male.


Nevica.
Com'è possibile? Ieri c'era un tempo splendido. Ma meglio così.
Non ho voglia di uscire... mi sento apatica. Come sempre.
Quando il tempo è brutto non so perchè mi è piu' facile restringere le calorie.
Il pranzo di oggi? Meno di 300 calorie. Meno di 300 calorie in tutto il giorno.
Eppure fuori c'è la torta di mele che ha fatto mia madre... cereali, biscotti... ma io mi sono svuotata mezza bottiglia di coca cola light per festeggiare questa giornata schifosa.
In sole 30 ore mi sono bevuta un litro e mezzo di coca cola light. Wow...
Magari nel pomeriggio mi concederò una mela, uno yogurt... non posso rovinare tutto con i dolci proprio oggi... è una giornata così scialba che lascia l'amaro in bocca.
Oggi nemmeno ho voglia di pensare.
Cosa farei? Me ne starei tutto il giorno a bere litri di bibite light e the verde a guardarmi film in streaming senza pensare. Il pensiero spesso fa male, uccide.
Bè non mi voglio fare paranoie mentali. Se avrò fame mangerò... però spero di avere abbastanza buon senso da restare sotto le 1000 calorie (visto che comunque ora il mio metabolismo è alle stelle... dimagrirei lo stesso).
Non ho più vomitato, ed è quello l'importante... dunque...aggiornerò più tardi sperando di non dover scrivere una cifra esorbitante...........

ore: 19:40

Ok confermo, mi sta per venire il ciclo.
Mi sento davvero l'umore a terra e sono gonfia.
Niente cifra esorbitante. Almeno finora. No no... non mangio più fino a domani mattina.
Oddio... sono a 1700 calorie in tutto. Se devo essere sincera mi faccio un po' schifo perchè ho mangiato 24 biscotti e una fettina di torta, sennò sarebbe stato tutto PERFETTO.
Ma considerando le abbuffate dei giorni precedenti mi complimento con me stessa... cerco di essere indulgente, perchè se vedo la cosa in modo negativo mi automutilerei i polsi.
Preferisco per questa volta dirmi che sono stata brava.
In pratica in questi ultimi giorni con le calorie sono andata così:
mercoledì: 2800kcal
giovedì: 3200kcal
venerdì: 4800kcal (davvero pietoso...)
sabato: 3500kcal
domenica (oggi): 1700kcal

Mi sento... vuota, strana, piena, non so nemmeno io... volevo uscire questa sera ma non sento neppure la motivazione. Ho voglia di sedermi al piano e liberarmi la mente da tutto, fottutamente voglia di non pensare...
No non mi frega di uscire oggi, è una giornata orribile... e di certo non metterò piede fuori casa per smaltire 1700 calorie, che per il mio corpo equivalgono a 500 considerate le cifre a cui è abituato. Devo volermi più bene e ascoltarmi di più.
Sì, è questo che devo fare.
Una mia cara parente oggi mi ha regalato un quaderno-diario, davvero molto bello, con la copertina in carta di riso... ho deciso che lo terrò per scrivere di tutte le mie passioni, i cantanti e gli attori che amo, e non lo sprecherò per insulsi diari alimentari fatti di abbuffate.

sabato 26 febbraio 2011

Disintossicazione.

Basta.
Odio il cibo. Sì LO ODIO. Per la prima volta in vita mia riesco a dire di odiare il cibo apertamente. Mi guardo allo specchio e cosa vedo? Una grassona... per lo meno con le maglie taglia S/M che mettevo solo l'anno scorso e mi stavano bene.
Ora mi stanno così strette che i fianchi me li tiene dentro da sola. (Schifo).
Vado in camera mia, ballo dieci minuti con una faccia apatica da fare paura...mi viene la nausea, vado in bagno e cerco di vomitare ma non esce niente... torno distrutta in camera.
Comincio a piangere. Che stronzata... non riesco nemmeno a fare quello perchè so che è inutile.
Non è per gli altri... è perchè se uscissi così mi sentirei uno schifo.
Devo reagire.
Non ho scelta.
Devo e voglio riprendere la dieta che facevo quando ero anoressica i primi giorni... almeno per disintossicarmi da questo periodo di abbuffate su abbuffate, non potrà che farmi bene.
Sento il mio corpo pieno di tossine di grasso... ho bisogno di verdure, cibi magri e cose leggere... se domani riparto con un liquid day composto da: caffè, the verde, verdura e spremute lunedì potrei ripartire veramente da zero.
Dopo che stasera mi sono vista allo specchio volevo davvero scomparire.
Ho visto la realtà...
Domani ripartirò così, e non toccherò un grammo di altro a morire:

COLAZIONE: 1 caffè d'orzo
PRANZO: 1 spremuta di arancia, insalata, pomodori, sedano.
MERENDA: the verde
CENA: minestra.

Devo resistere alla fame. DEVO.DEVO.DEVO. Almeno per uno, due giorni cazzo... Devo farlo per me! Se non lo faccio continuerò a dire a me stessa "Sei una buona a nulla".
Non posso sprecare la mia vita così. Quest'anno faccio i 18 anni cazzo, tra 4 mesi... ed entro 4 mesi voglio essere magra entro l'estate, voglio poter mettermi un vestito quella sera, avere un ragazzo, baciarci, fare l'amore... perchè non posso? Perchè il grasso mi tiene prigioniera.
Ora Guido per me non esiste più... ed è una cosa MERAVIGLIOSA questa.
Quindi posso ripartire davvero libera, senza ripensamenti nè altro...

Il mio obiettivo da domani, 27 febbraio, è riuscire a perdere 5-6kg entro il 27 marzo.
Ce la farò, punto e basta.
NON accetto più sconfitte ora... è finita. Con la BULIMIA ho chiuso.
Perchè? Semplice... mi ha stancata.

Il blog che posterò domani sarà positivo. Lo giuro. Sarà positivo punto e basta!

Ps: Grazie Lara che mi stai particolarmente vicina in questo periodo orribile... ti voglio davvero tanto bene, senza di te non credo che mi sentirei così determinata... Grazie <3>

Binge days.



Calorie di oggi? 3500kcal. Bleach.

Giorni di Binge Eating totale. Non so il perchè. Forse ho paura.
Già... ho paura di aprire gli occhi e rendermi conto di ciò che il cibo mi ha fatto in 3 anni.
Ma perchè il cibo ha la padronanza su di me...?
Prima mi ha ridotta a uno scheletro. Poi mi ha resa normale. Mi ha resa più bella. E ora mi ha fatta ingrassare di nuovo. E io non ho potere su di lui... lui semmai ha potere su di me.
So che ho bisogno di distrazioni... ma ogni volta che mangio è un inferno.
Devo cercare di fare 3 pasti al giorno, di cui 2 in mini-pasti.. ma ormai non sto nemmeno più a decidere cosa mangiare perchè so solo fare disastri e abbuffate.
Non voglio restare da sola... sono stanca di mentire. La SOLITUDINE mi uccide.
Beh ultimamente devo dire che l'unica solitudine è quella che sento quando non sto al Pc. Perchè purtroppo alcune persone posso sentirle solo su Fb e voi qui sul blog.... e sono quelli di vuoto i momenti più critici. Odio stare in camera mia se non per perdermi a fantasticare su delle cose, scrivere, suonare, piangere, rilassarmi... pensare invece mi uccide.
Uscire a camminare va bene, ma che la gente mi veda camminare da sola in mezzo alle coppiette proprio no... per questo esco sempre la sera.
Con il mio Ipod. Però non il sabato sera... odio uscire il sabato sera, odio andare alle feste, odio che i ragazzi mi guardino solo per le mie curve... sarò contorta...?
Forse è solo perchè non posso più sentirmi magra.
Ho bisogno di attorniarmi di persone sincere, no che mi vogliono per fare numero a un gruppo...
Ho bisogno di stare in mezzo a chi davvero ci tiene a me, chi davvero so che mi vuole bene e non mi cerca soltanto per l'apparenza... e purtroppo quelle persone sono quelle che stanno distanti ...
Ho bisogno di depurarmi dalle 7000 calorie ingerite in soli 2 giorni.
Domani si riparte. Basta errori...

venerdì 25 febbraio 2011

Nothing but Fat.

Ok ho rimosso il post di prima perchè era davvero pietoso... dovrei vergognarmi di me stessa per tutto lo schifo che ho ingerito nel pomeriggio, e stasera sono ancora tra il "se" e il "ma", se andare fuori a cena e mangiare quegli spiedini di pesce... perchè in quel caso potrei cominciare la dieta seria da domani... la mia paura è che se salto la cena domani mattina mangerò ancora schifezze. E non devo... voglio farmi due giorni depurativi a base di frutta e verdura.
Premetto che oggi sono volata a 4500 calorie -.- anche se sono uscita a camminare e correre... beh, al massimo avrò smaltito 600 calorie, più quelle del mio metabolismo e quelle bruciate in altre attività comunque arriverei solo a 3000, e me ne resterebbero 1500 di "grasso" da smaltire. Che pena.
Dunque... andrò fuori a cena con la mia solita teiera di the verde e mangerò una coppa di insalata e pomodori intrisi di aceto. Basta dolci. D'ora in poi solo: verdure, frutta, latte scremato, yogurt magri, spremute, pesce magrissimo. Si ricomincia da zero.

Programmino.

Un bel respiro.
Bene. Ricordarsi che mangiare tanto al mattino non fa ingrassare. Però sto male perchè passare dal digiuno di ieri sera a un abbuffata mattutina di 2000kcal è una cosa traumatica... (voi quando avete un mal di stomaco terribile cosa fate?).
Dopo mi metterò a fare ordine e pulizie in casa, questa sera uscirò a fare una bella passeggiata e smaltirò tutto... odio uscire di giorno, alla luce del sole, dove tutti vedono il mio grasso. Ma io detesto il giorno e la luce già di mio...
Ho pensato ad una cosa.
Ho pensato di mangiare per tutta la settimana poco, tra le 800-1000 calorie, perchè ho visto che a una mia cara amica che sta anche lei qui sul blog sta funzionando:) e un giorno nel weekend mangiare invece quello che mi pare, tutto quello che mi pare... l'importante è che io mangi tra la mattina e il pomeriggio (tanto se poi si torna a mangiare normale viene smaltito).
Perchè così facendo sarei sicura di non sbagliare, mi sentirei bene e mi abituerei ad avere poco cibo nello stomaco.
Voglio provare.
Non dico che funzioni ma provando lo scoprirò...
Poi...poi...oggi voglio provare a bere una teiera di the verde ogni 3 ore, per un totale di 5litri.
Ho bisogno di depurarmi.
Mi farò un elenco di cose utili per bruciare calorie e sentirmi soddisfatta di me, è il modo migliore per cominciare
Via i brutti pensieri... che non servono assolutamente a niente..


ore 15:30:

Credo che d'ora in poi annoterò tutti i momenti in cui ho voglia di dolci...o di qualcosa...credo che piuttosto che sprecare i soldi in dolci mi comprerò qualche piccolo sfizio come braccialetti, ciondoli o vestiti... se in una settimana riesco a risparmiare 15€ di biscotti vari posso accumularli per prendermi cose che mi piacciono.
Oggi mi sono ordinata un CD da internet e un libro sull'anoressia, credo che lo leggerò volentieri... non so perchè ma quando trovo cose che mi interessano davvero al cibo non ci penso. Quindi userò questa tattica. Oppure domani e dopo domani mi siederò davanti al Pc a guardarmi film con una bella teiera di the verde.

Liberarsi delle persone che ti usavano? Una sensazione fottutamente bella.

Non c'è errore più grande di appropriarsi del silenzio,
quando il tuo cuore sta gridando.

Vomitare? E' sia una FREGATURA, che una CAZZATA che un ERRORE.

Un po' come quando una persona ti perdona da un torto... tu sei più portato a rifarlo e rifarlo ancora, tante sono le volte che quella persona ti perdona, pur non volendolo... ma ti spingi ad usare tutta la sua disponibilità verso di te finchè quella non si esaurisce.
In poche parole, il vomito prima o dopo ti distrugge.
Già... perchè il giorno dopo ti svegli con l'unico intento di svuotare il frigo... ed è sempre la stessa storia. Ti liberi dei sensi di colpa ma non della fame... e a piu' tante calorie il tuo metabolismo era abituato peggio le cose vanno...
Stamattina ho mangiato ben 3 tazze di cereali, con cappuccino, una mela e 8 biscotti, eppure mi mangerei ancora non so che cosa...passerei dal dolce al salato... già, il salato.
Mi hanno stancata i biscotti, le merendine, i croissant... mangerei pizza, patatine e qualsiasi cosa fosse salata... Finchè è scrivere queste cose sul blog, bè credo non ingrassino:)

C'è una cosa che però è riuscita a nausearmi nonostante tutta questa fame.
Che cosa? Leggere su facebook quello che ha scritto la mia ex amica F. O meglio, il suo atteggiarsi da "vittima" dopo avermi usata per 7 anni, come ruota di scorta quando non c'era nessuno per lei, accusando me di essere falsa e stronza...
Non si è mai nemmeno degnata di capire che razza di schifo stessi vivendo qualche mese fa, non si è mai degnata di capirmi, solo di accusarmi se non facevo ciò che voleva... come si può chiamare tutto questo "amicizia"?
A me sembra più... falsità disgustosamente pura.
Questa volta mi sono stupita di me stessa. Sono riuscita a difendermi.
Stavolta mi sono difesa sia da Guido che da lei.... ed è un buon segno. Sarò anche grassa, mi saranno stretti i vestiti di qualche mese fa, eppure... sono cresciuta. Sono un'altra.
In 3 mesi sono cresciuta, sono diventata adulta dentro di me...accettando una realtà
che da anoressica non avrei mai saputo accettare... o meglio, solo 3 mesi fa.
Volare da 80 a 90 chili mi ha resa forte e DONNA.
Perchè ora tirerei fuori le unghie per difendermi.

Mi sono resa conto che troppa gente si lavava le mani su di me, ma io non me ne accorgevo perchè ero troppo presa dal chiedermi se alla gente piacevo o meno...
Forse ho sofferto così tanto ultimamente perchè mi sono accorta di questa realtà... di come avevo lasciato correre le cose, farmi usare da F., da Guido, dai ragazzi, da lei... che la rabbia per tutto questo se ne è uscita proprio ora, e anzichè sfogarla su di me con il cibo non lo faccio, perchè so che la colpa la hanno queste persone che ora accusano me.
Bene. Devo imparare a lavarmene le mani come loro hanno fatto con me.
In realtà... Guido ultimamente mi rispetta, prima si divertiva a riempirmi di critiche sapendo che ero succube di lui, ma ora vede che ho cominciato a difendermi e quindi se le risparmia... la cosa mi ha dato soddisfazione.
Ma sapete perchè parlo di lui...?
Perchè sentirmi parlare così, difendendo me stessa mi da forza.
Perchè tempo fa non ne avrei avuto il coraggio... e in questo modo riesco a capire anche il motivo per cui sono ingrassata, mi sono buttata nel cibo... perchè dovevo ribellarmi a tutto il male che inconsciamente mi stavo facendo per gli altri.

E stavolta se sbaglierò perdonerò me stessa... non loro.
Solo così potrò essere un giorno libera anche io dentro di me.
E quel giorno... lo sento sempre più vicino.




giovedì 24 febbraio 2011

No fear.

Non ho più paura di vederti G. Non ho più paura di ferirti. Non ho più paura di non interessarti. Non ho più paura di non soddisfare le tue aspettative. Non ho più paura di essere troppo fredda con te. Non ho piu' paura di subire le tue critiche. Non ho più paura di sentire la tua voce. Non ho piu' paura dei tuoi occhi verdi. Non ho piu' paura del mio batticuore.
Se c'è una cosa di cui potrei avere paura è che tu un giorno possa innamorarti di me.
Il mio cuore è così di ghiaccio e privo di sensibilità nei tuoi confronti che potrei spezzarti il cuore con una sola parola...
potrebbe rinfacciarti tutto il dolore che mi hai fatto provare.
Grazie a te ho imparato ad amare...
e grazie a te ho imparato a dimenticarmi cosa vuol dire questa parola.
Certo, dopo il tuo nome.

Il peso invisibile dell Indifferenza.


Che cosa ho fatto? Ho vomitato tutte le 2500 calorie ingerite tra il pranzo e la merenda. E' bastato mettere un po' di bicarbonato nell'acqua fredda...
E' così che si ammazza un senso di colpa... facile...come bere un bicchier d'acqua.
E nel mio stomaco non è rimasto niente... se non il vuoto che già c'era prima.
Una volta mi sarei detta "Bravissima, hai vomitato tutto e ora non hai sensi di colpa".
Ora invece sono indifferente alla cosa come se non fosse successo niente di strano.
Non mi viene da dirmi "Ho fatto una cazzata" o "Non devo piu' rifarlo".
Così come non ho mai pensato questo quando mi tagliavo... e non so perchè.
Sono indifferente a tutto... forse perchè non voglio sentire il peso delle mie emozioni. Forse perchè è proprio causa alle emozioni che sono diventata bulimica... non provare niente mi permette di non provare alcun tipo di risentimento verso le mie azioni.
Soprattutto perchè se provassi qualcosa so già come finirebbe... ad esempio prima ho sentito Guido su fb, eppure sono rimasta indifferente. E non è stato poi così male.
Resto indifferente a ciò che per gli altri lascia la stessa indifferenza... e mi permetto di "gioire" solo quando sono sicura che ho il diritto di provare la felicità per qualcosa che è vero... non un'illusione creatasi nella mia testa come è successo troppe volte.
Il vero problema è che quando provo emozioni vorrei cancellarle... come se per me vivere fosse vietato, come se tutto potesse finire da un momento all'altro. Il vuoto mi da SICUREZZA.
Ed avere questa sicurezza mi permette di esprimermi senza sentirmi sbagliata davanti alla gente... un po' come lo è l'alcool per un alcolista. Io mi assuefo di VUOTO...

mercoledì 23 febbraio 2011

Crisi di "vuoto". L'anoressia lascia sempre le sue tracce.


Ok oggi vi avrò annoiate abbastanza... ragazze... vi ringrazio per starmi sempre vicine con i vostri bellissimi commenti... però devo parlare di questa cosa.

Vi capitano mai delle "crisi di vuoto"? Momenti in cui all'improvviso si perde quasi il senso delle cose... quando si è da sole, come se dentro di noi ci si sente come se si dovesse fare qualcos'altro, come bruciare calorie... come se stessimo sbagliando già soltanto a respirare... Io da quando ho superato l'anoressia mi capitano spesso... quando pesavo 35kg in meno non avevo di questi momenti, perchè ero magra, e mi saziavo della mia magrezza anche quando ero da sola nel piu' totale vuoto... e sapevo da me quando dovevo agire, muovermi, smaltire...
mi saziavo solo toccando quelle mie gambe così esili.
Ma ora... ora non posso piu'riempirmi della mia magrezza. Perchè ora sento la carne circondare le ossa. In realtà nessuno credo che vedrebbe ciò che vedo io... io vedo uno strato enorme di grasso anche solo sulle caviglie... perchè ero abituata a toccarmi le ossa.
Però... ogni tanto sento una specie di sibilo nella mia testa... e capisco che è la voce dell'Anoressia che ancora grida dentro di me, un grido straziante che mi cancella tutto ciò che provavo un attimo prima, un grido che riesco a comprendere... ed è sempre la stessa frase "Devi bruciare calorie... stai solo ingrassando".
Quella frase che vuole togliermi di mano la vita che in 3 anni mi sono ripresa.
Ma una parte di me ancora desidera quel corpo osseo... amarmi era facile 3 anni fa.
Era facile amare una me stessa che indossava la taglia Xs.
E sono momenti... in cui mi si auto-cancellano le emozioni, o il senso di soddisfazione per la mia vita... per lo più quando sono da sola, dopo essere stata in mezzo alla gente o comunque fuori dalla mia stanza. I miei non capiranno mai per quale motivo cerco sempre qualcuno con cui chattare su facebook. O perchè io esca la sera all'ora di cena a camminare. O perchè io ascolti musica fino all'ora in cui vado a letto... non capiranno mai.
In quei momenti vorrei fuggire da me stessa.. vorrei rifugiarmi in mezzo alla gente, sentire parlare, distrarmi, perchè solo così riesco a non sentirla e a sentirmi viva.
Ma quando sono da sola esplode la miccia. Ritorna quella voce. Mi dice che io non valgo niente, che non sarò mai niente se non tornerò a pesare 57kg, fino a diventare invisibile...

So che è quella voce... che l'altra sera, e non solo, tante volte... mi ha spinta a pronunciare silenziosamente queste due parole "Voglio morire". E poi "Sono grassa". E poi incidermi il braccio di tagli, profondi, sanguinanti... a pensarci questa sera quasi piangevo.
Non ero io a dire, fare quelle cose... NON ERO IO.
E mi sono resa conto di un'altra cosa. Ero così ossessionata da Guido, perchè lo amavo sì... ma anche perchè quando pensavo a lui non sentivo quella voce straziante... e ora che ho smesso di pensare a lui lei è tornata.

Lui era il mio rifugio... e io non so davvero più cosa voglio dalla vita.
Dimagrire? Certo... ma in questi anni non ho fatto che cambiare obiettivi. All'inizio volevo pesare a tutti i costi 55kg nonostante fossi alta 180cm, e se fossi scesa fino a li sarei forse morta... Quando ho ripreso a mangiare hoi ho voluto sfinirmi in palestra per mesi, per essere perfetta, tonica (cosa che poi ho interrotto..) per piacere ai ragazzi, poi... poi volevo cercare l'amore in ogni ragazzo che incontravo (altra sciocchezza...), poi... poi stare insieme a Guido... volevo queste cose a tutti i costi, eppure non sono riuscita a ottenere niente di tutto questo. Ci sono andata vicina forse... ma ora non so davvero più niente.
Non prendo decisioni, non voglio... perchè sono troppo incoerente.
Se andassi a scuola mancherei il giorno dopo, stessa cosa se andassi in palestra... perchè quella voce mi ripeterebbe costantemente che "queste cose non sono necessarie", e che io dovrei pensare solo a dimagrire.
Se dicessi queste cose in giro mi prenderebbero per matta... ma è la verità. E a voi posso dirlo perchè so che non mi prendereste mai per matta... perchè forse anche voi quella voce la sentite ogni giorno dentro.

Cosa vorrei?
Una certezza. Una sola certezza su cui basarmi per ritrovare la mia strada.
Finchè non troverò questa certezza non sarò mai certa di voler prendere davvero una strada...sarà sempre lo stesso circolo vizioso.
L'unica cosa che mi da certezze... contare le calorie che assumo, bruciarle, vedere il peso scendere... peccato che neppure questa è una certezza.
Il mio peso non è ancora sceso.

Bleach.

Cazzo... sono enorme... E-N-O-R-M-E.
Così mi sono vista io allo specchio. Che schifo. Mi sento obesa.
Cosa mi aspettavo pur avendo camminato per un'ora e mezza?
BASTA ho chiuso con i dolci, mi concederò i cereali solo a colazione. 40grammi.
Oggi non so perchè mi sono messa a mangiucchiare biscotti sparando le calorie fino a una cifra inestimabile... Sto male stasera... e mi è tornata la depressione non so perchè... ah già... perchè mi sono vista allo specchio aspettandomi di vedere un figurino esile e snello.
Stasera pastiglia per velocizzare il metabolismo, teiera di the, lassativo e penso che starò molto, molto, molto meglio...
A volte mi chiedo se è meglio avere un bel visetto in carne che è bello anche senza trucco ma con un corpo "troppo" in carne, oppure un viso un po' scarnito ma con un fisico longilineo.
Ho capito una cosa (a mie spese)
Se sei bella di viso con un fisico normale con gli uomini hai speranza di trovarne uno serio.
Se hai solo un bel fisico ti cercano unicamente per quello.
E io, per che cosa mi amo...?
La vita è contorta.

Contare le calorie è la sola cosa a darmi sicurezza per ora.

Calorie oggi? Non parliamone, circa 2600...
Ma sono parecchio nervosa da qualche giorno, penso che mi stia tornando il ciclo... comunque facendo un complicato calcolo che ho trovato online, visto il mio metabolismo basale posso permettermi di sfiorare le 2700 calorie senza ingrassare, a patto che dopo come al solito esco a camminare i miei soliti 60 minuti posso comunque dimagrire di 0,5/1kg in una settimana... infatti ora cerco di uscire a camminare un'ora al giorno, la sera, perchè in giro non c'è quasi nessuno e con il freddo si brucia di più.
Sarò un po' matta... ma per dimagrire questo e altro.
Ultimamente mi vedo anche piu' magra... anche se forse è una mia impressione... quello che non capisco è come fanno certi vestiti a starmi meglio di prima anche se il peso non scende... Certo è che entro giugno voglio aver perso 10-15kg... da domani i biscotti e i cereali li mangerò solo a colazione e per merenda mi terrò per buona la frutta e gli yogurt con il the. Stop.
Così non avrò nemmeno bisogno di andare in palestra mi basterà ripetere i miei 200-300 addominali ogni sera per vedere i risultati.
Bene, le abbuffate stanno diminuendo ampiamente:)
Per il momento non voglio neppure illudermi con i ragazzi... voglio fare affidamento solo e unicamente su me stessa, l'unica che non si tradirà mai... per trovare l'amore c'è tempo... ora non mi interessa ricevere altre delusioni prima di riuscire ad amarmi.

martedì 22 febbraio 2011

Una svolta...

Stavo chattando con un mio amico, anzi con L. l'amico di Daniele... non so se ricordate che ve ne ho accennato nel vecchio blog. Comunque sia... questo L. è anche amico di mio fratello e Guido, lo conoscono benissimo... il problema è che è fidanzato.
Ma sapete cosa mi ha scritto un attimo fa? Ci sentivamo su facebook...
Mi aveva spiegato una cosa e io gli ho detto "Non so come ringraziarti!".
Lui mi scrive "Quando torno single ci mettiamo assieme e quello mi basta".
E' un po' che ci sentiamo... mi scrive sempre lui, però dobbiamo ancora vederci. Lui ha anche lavorato con mio padre... penso che... beh, non mi faccio illusioni di nessun tipo, ma in un certo senso mi sono resa conto che forse questa è una via d'uscita per questo incubo...
Anche se sono stufa, stanca di tutti gli uomini del mondo... infatti ho deciso che non rinuncerò piu' a me stessa per nessuno.. ma se qualcuno dimostra di volermi vicina per davvero, non mi tirerò indietro. Purchè non sia per usarmi. Sono stanca di soffrire...
...e per stanca, dico così stanca che ormai non riesco neppure piu' a perdermi nelle fantasie per amore, perchè so che sono tutte illusioni... lo so già all'inizio.

Con il cibo? Il peso non è sceso, ma in compenso mi vedo molto più magra:) sarà stato a dormire tanto... non lo so... e allo specchio mi sono vista bella. Oggi sì. Strano...
Ho dormito fino a tardi, e per pranzo ho mangiato assunto 1400 calorie fin ora... poco considerando le abbuffate che mi faccio solitamente... però non importa perchè ieri ho digiunato dalle 3 del pomeriggio fino alle 13 di oggi... e stavo praticamente morendo di fame. Sì, un bel controsenso... ma non riuscivo nemmeno ad alzarmi dal letto, dovevo mangiare.

Piu' tardi uscirò a farmi una passeggiata... ho deciso di prendere la vita con piu' serenità, e PER ME STESSA STAVOLTA.Ieri piangere mi ha stancata troppo.
Voglio provarci... non dev'essere impossibile tornare sulla giusta strada.
E spero che stavolta incontrerò persone sincere, non false e bugiarde...

Borderline.

Perchè sto scoppiando? E' molto semplice...
Gli argini del mio cuore si sono definitivamente rotti.
Perchè ho sempre sopportato tutto con il sorriso sulle labbra, mentre mi lasciavo distruggere dalla bulimia... per far passare tutto inosservato, per salvare la faccia agli altri, a tutti quelli che mi hanno fatto del male... E sono veramente stufa di tutto questo.
E' Guido che mi ha ferita. Nemmeno mio fratello sa niente. Nessuno sa niente. Eccetto noi, e mia madre. E' Guido che pur conoscendo i miei sentimenti mi ha usata, se n'è approfittato del mio amore, sparendo poi come se nulla fosse... Ho deciso.
Dirò tutto a mio padre. E se anche lo chiamerà dicendogli che è uno stronzo, un farabutto che deve sparire o non so che altro io mi sentirò sollevata e potrò andare avanti... anche se lui mi scriverà dicendomi che sono una cogliona, una bambina, gli dirò chiaro e tondo che io lo amavo, e lui non se ne è nemmeno accorto e ha calpestato sopra ai miei sentimenti in quel modo... E poi... poi pazienza se non lo vedrò più. Meglio. Se non ci sentiremo mai piu'? Ancora meglio. Meglio. Fanculo meglio tutto... perchè non voglio avere piu' niente a che fare con lui e questo è l'unico modo... forse... Non so nemmeno io cosa è meglio.
Sto impazzendo, giorno dopo giorno...

La realtà è che essere stata usata dalla persona che amavo e sapere che lo rifarà ancora mi spezza il cuore... e ad andare avanti così non ce la faccio più...
non ce la faccio più a sopportare dopo tutto questo tempo.

lunedì 21 febbraio 2011

Tagliente come una lama affilata incide il cuore di mille tagli.



Il mio viso non ha più espressione.
Non so bene come sia accaduto tutto.
Avevo un attimo prima litigato di già con mia madre per la scuola.
Ci ero già rimasta di merda, perchè lei ha visto le mie cicatrici sanguinare tempo fa, lei sa quanto diavolo sto male da tre mesi, lei sa che vomito, lei sa che non mangio, lei sa che ho sofferto per Guido... ma non mi ha capita.
Mi ha solo dato a capire che anche se soffro devo fare il mio DOVERE. Che devo compiacere loro. Che devo restare la fottuta f i g l i a p e r f e t t a, anche se ho il cuore lacerato.
Devo prima di tutto soddisfare loro, gli altri. Rabbia.
Primo colpo di crisi.
Un attimo dopo so che ero in cucina, so che avevo da poco vomitato, so che i miei stavano parlando di cambiare la macchina con mio fratello... so che ho cercato lo sguardo comprensivo di mio padre per inserirmi nei loro discorsi, ma appena ho azzardato una parola lui mi ha ignorata rinfacciandomi che se bisogna comprare una macchina nuova i soldi non devono "andarsene" per la mia scuola che è privata. Perchè di pubbliche ne ho cambiate cinque, e per i miei problemi non potevo, non riuscivo a starci, ad essere costante...
Cosa mi sono sentita?
Un peso, un sacrificio, uno spreco, una nullità, un FALLIMENTO.
Sono scoppiata. Mi sono dileguata con un "Io non ho fame". Mi trattengo.
Attendo di tornare nel mio mondo, dove nessuno può vedermi, criticarmi, insultarmi, dire che sbaglio... prendo l'Ipod e mi ficco violentemente le cuffie nelle orecchie, per cancellare quel silenzio, quel vuoto... tutto quello schifo che mi sentivo intorno. La canzone "Brick my boring brick" dei Paramore a massimo volume, giusto per coprire quel dolore.
La rabbia divampava. La rabbia mi divorava. Le forbici. Dove cazzo sono le forbici?
Eccole, nel mio astuccio. Le cerco e le guardo come guardavo una tavoletta di cioccolata. Le desidero. Le voglio, voglio che quelle fottute lame lacerino il mio tessuto cutaneo.
Le infilo tra le dita, e quasi come se non fossi io a muovere la mia mano, con un colpo deciso incido un taglio, un altro, e ancora un altro... e sento il dolore dissolversi lentamente... sento la leggerezza prendere il sopravvento su di me. Mi sento finalmente s e r e n a.
Una sensazione meravigliosa. Che solo un'autolesionista può comprendere.
E subito dopo quell'attimo idilliaco, mi trovo il viso irrigato dalle lacrime. Mi trovo il cuscino intriso di macchie di sangue sparse qua e là, mi trovo costretta a rivedere immagini dei miei pezzi di vita passata susseguirsi in questa fottuta testa. C o s t r e t t a.
. Lui ancora appare al di là dei miei occhi troppo umani. Lui appare lì nella mia stanza. Lui sorridermi. Lui guardarmi negli occhi. Lui tenermi la mano. Lui sfiorarmi i capelli con dolcezza. E' come se quelle emozioni le avessi provate in un'altra vita... non in questa.
Questa vita non so di chi sia. Non mi appartiene.
E poi la maledetta voce della verità. Illusa. Sei una povera illusa. Davvero credevi che lui ci tenesse a te? Davvero pensavi di essere importante per lui? Lui ti ha usata e basta, per i suoi porci comodi. No... basta... basta... non è vero... Sì, è vero invece. E tu ti sei lasciata sfruttare, ai comandi di quel tuo debole fragile insulso cuore che traboccava di amore per lui... e ora ne paghi le conseguenze. Conseguenze. Conseguenze. Conseguenze. Conseguenze. Conseguenze.
Un ECO che mi fa rabbrividire.
Sono queste le conseguenze dell'amore? E' questo che porta amare una persona...?
Qualcosa mi priva del respiro. Vorrei morire. Vorrei che quel dolore smettesse, perchè quel dolore mi sta distruggendo dentro, mi sta facendo a pezzi cuore e anima... nascondo la testa sotto al piumone, morendo lentamente in quel tepore creato solo dal mio corpo, dal mio sangue scorrere nelle vene alla ricerca di una residua caloria... ma niente... calorie nel mio corpo non ce ne sono, e così deve ricorrere alle riserve di grassi. L'unica piacevole sensazione in tutto questo schifo. L'unica consolazione...

E poi basta. Niente. Ricordo solo di aver chiuso gli occhi ancora immersi di lacrime, ancora l'immagine di Guido riflessa dentro alla mia mente, e poi... il VUOTO.
Quel vuoto in cui ormai vivo anche nella realtà... non c'è molta differenza... tranne che dormendo non senti il dolore, è come se appartenesse a qualche remoto incubo.
Ma appena ti svegli ti accorgi che è la realtà. Che tu sei una ragazza che ha perso l'amore, che ha perso la magrezza, che ha perso i sogni, che ha perso le amicizie, che ha perso la vita ormai... e che tornare sui propri passi è la cosa più difficile del mondo.
Che ci vorrebbe un MIRACOLO per ridarti la gioia di vivere. Ma chissà per quale motivo in questi momenti puoi pregare, puoi cercare un Dio nell'ignoto, ma quel miracolo non lo vedi mai...come se la causa dei tuoi stessi mali fossi tu.
So bene che è così, ma so anche che ciò che mi ha ridotta così è stato l'amore... e amare non è un errore... forse lo è amare più di se stesse chi ti usa fino all'ultimo.
Ma l'amore mi rendeva cieca.
Non ero io. Non ero io. Era il mio cuore.

E poi all'improvviso battono alla porta. Pretendono che io esca, finga di essere felice, sorrida come sempre, come una fottuta bugiarda... che io non faccia la vittima, fingendo di stare male perchè ho tutto... pretendono che io mangi, che non mi lamenti... forse è proprio ciò che farò, per non mostrare quanto dannatamente il mio cuore si sta frantumando.
Forse anche domani, mi abbufferò di nuovo, vomiterò, nasconderò il mio dolore e andrò così avanti giorno per giorno... forse è l'unica soluzione.
Forse prima o dopo quel miracolo arriverà.
Vorrei trovare la forza di crederci ancora...
giuro se lo vorrei...
E intanto le cicatrici fanno male... come se il mio cuore pulsasse lì.

Riflessa nei colori.


Una mattinata come tante. Forse un po' DIVERSA.
Mi alzo. Colazione con latte, cappuccino, mezza mela e due cucchiai di cereali.
Non conto le calorie, non mi interessa.
Non vado a scuola, non me la sento... non prima di essere tornata sui miei passi.
Prendo il mio diario e scrivo. Scrivo di me. Scrivo quali sono le cose che più amo e decido di ripartire da quelle, ignorando totalmente quelle che mi fanno solo del male.
Sì... ce la sto facendo... coraggio... Ho deciso di ripartire in prima.
Mi viene per un istante in mente lui che si bacia con la sua ragazza... piango, sì piango per cinque minuti poi passa, e mi sento più forte. Posso ripartire.
Ripartire da ME STESSA.
Mi siedo a terra e faccio 200 addominali.
Mi alzo e scruto il mio viso alla scrivania. E' riposato, ma pallido, spento, senza emozioni... decido di colorarlo un po', in base a come mi sento. Lascio fare al mio istinto.
Mi circondo gli occhi di eyeliner e matita neri, metto l'ombretto nero sulle estremità e blu sfumato al centro. I capelli legati... odio averli legati, ma in questi giorni li ho orribili, spenti, opachi.. Quando sono depressa lo diventa anche tutto il mio corpo. Strano vero?
Passo alle mie mani. Secche, fredde, bianche... le coloro un po' con dello smalto rosso sulle unghie. Lo voglio perfetto. Rosso sangue. Un'ora a smaltarmi le unghie.
Come quello che ultimamente sgorga solo dalle mie braccia.
Ho deciso di interpretare la mia vita con i colori. Voglio vivere in Nero, ragionare in Bianco e sognare in Rosso. Ovvero, vivere nel mio mondo privato, ragionare a mente chiara e sognare l'amore... quell'amore che chissà quando troverò.
Per ora con G. dentro di me è finita... ma non spero che lo sia per sempre.
Perchè lui è la persona giusta... è il momento ad essere sbagliato, a renderlo così... lui era diverso. Lui una volta era il ragazzo dal cuore più grande al mondo, ma lui lo ha dato a una ragazza che gliel ha calpestato ed è diventato così. Stessa cosa farò io.
Diventerò di GHIACCIO, con lui. Solo con lui. Fredda come la notte. Gli renderò la stessa moneta. Ormai che abbia la ragazza o no non mi tocca nemmeno più...
Il mio amore non lo vedrà mai più. Mai più, finchè non sarà lui ad implorarlo.
Questo lo giuro.
Ormai l'ho detto e così è: il mio cuore è già in stand-by.
Si riparte finalmente.
(aggiornerò piu' tardi)

ore: 17:55
Ok, anche oggi mi sono mangiata un pacco di biscotti che sono andata a vomitare... però devo dire che era piu' per la stanchezza oggi, malinconia... e poi a parte quello "sgarro" la giornata di oggi è filata liscia come l'olio, anche a pranzo, quindi mi sento soddisfatta.
Mi succede spesso in questi giorni che non provo emozioni per niente. Mi sento come VUOTA, anzi meglio dire che sono Apatica.
Sì, una parola più adatta non saprei trovarla. Neanche pensando a Guido provo qualcosa... anche se questo è ovviamente positivo :)
Anzi oggi mi hanno taggata in un link assieme a lui e altri, voglio proprio vedere cosa mi commenterà... per il resto... ho deciso di passare a un piano B: ovvero fregarmene, essere carina con TUTTI i suoi amici tranne che con lui. Con lui userò parole di ghiaccio, odiose, cattive... voglio ferirlo. Sì, come lui ha fatto con me... sento di volerlo ferire, perchè lui lo ha fatto con me fidanzandosi con quella ragazza.
Mi sento molto più leggera a non provare niente per lui... è una sensazione bellissima... avevi ragione Lara <3 l'amore in situazioni così è solo di peso... e ora mi sento soffice come una piuma:) pronta a riprendere il suo volo. Never Give Up!

domenica 20 febbraio 2011

LIVING FOR LIFE.


Perchè fragile ragazza,
te ne stai lì così inerte ad attendere che i tuoi sogni si realizzino da sè...?
Perchè non corri verso di loro,
perchè non getti le tue speranze infrante e ne costruisci di nuove...?
Stai vivendo per questo.


Vorrei. Vorrei riprovarci. Forse volere non basta a volte...Ma non lo so. Sono in stato confusionario. Cerco la perfezione ma vorrei vivere. E la perfezione non fa parte della vita. Cerco la vera me stessa ma non so dove lei sia. Non so come lei sia. E questo mi ributta continuamente sul passato, sulle sole certezze che ho, e guardare a un futuro mi terrorizza. Come se io futuro non ne avessi. Ho paura.
Confesso che è questa paura a spingermi a mangiare.. paura di dover lasciarmi alle spalle ciò che ero, paura di prendere ciò che arriva, paura di vivere, paura di sorridere, paura di restare delusa ancora, paura di abituarmi a qualcosa e perderla, paura che il passato ritorni proprio quando ho imparato a lasciarmelo indietro, paura di non sapere dire "no".
Ho appena ingurgitato 1 mela, 4 yogurt e 600ml di latte non chiedetemi come... non lo so... so solo che vorrei correre a vomitare ma non lo farò, mi terrò la mia fottutissima nausea e i miei fottutissimi sensi di colpa, perchè sarebbe quella la vera sconfitta... liberarsi dei sensi di colpa. E invece io voglio ricominciare. Anche se ho ridotto la mia vita a uno schifo totale...magari domani non ci andrò a scuola perchè starò di merda ma il pomeriggio andrò in palestra, e farò dei pasti decenti... e mi toglierò Guido dalla testa. Io ci proverò. Ci proverò!

Fanculo alla bulimia... fanculo ai digiuni... fanculo al dolore... fanculo al passato...fanculo al peso...fanculo alle calorie...fanculo alle delusioni... fanculo all'amore...fanculo alle finte amicizie...fanculo a chi mi ha trattata come un oggetto... fanculo a tutto questo e altro che mi hanno calpestato sopra per mesi, anni... mentre io piangevo, soffrivo, e neppure me ne accorgevo. Vivevo per gli altri. Vivevo perchè cercavo l'amore per me negli apprezzamenti della gente... IO VOGLIO VIVERE. Può essere così sbagliato...?
Forse non ne sono ancora in grado.
O forse anche questa è la vita, e le soddisfazioni arriveranno.
Non lo so.

"Amare TE è stato uno dei tuoi trabocchetti in cui sono caduta STUPIDAMENTE".


Ok, è un dato di fatto...
DEVO MANGIARE.
Se non mangiassi farei del male prima di tutto a me stessa.
Devo però trovare un diversivo a quelle che si chiamano "orge di dolci".
E' da quelle che devo stare attenta.


Le mie giornate sono come le montagne russe.
Da EUFORICA divento DEPRESSA, e viceversa. Non ho rimedi.
Questa sera ad esempio avevo il terrore di mangiare... però poi è passato.
Ho cenato con 30gr di carote, insalata, 3 pomodorini e un'arancia... non male no?
Considerando che oggi ho vomitato fino allo sfinimento, non male.
Ma giuro che non me ne frega niente.
Del corpo che ho adesso... non lo amo. Non lo voglio.
Me ne frego di avere una terza abbondante e un bel culo, me ne frego.
Io mi voglio magra, e magra tornerò. Passo per passo, certo...


La realtà f a m a l e.
Fa male pensare al male che ho dentro.
Fa male chiudere gli occhi e rivedere il mio tormento sorridermi,
ricordarmi che io sono alle sue dipendenze e che il mio cuore lo servirà sempre...
Lui mi sorride da un sogno troppo violento per il mio cuore infranto mille volte...
E' SEMPRE LUI.
Perchè anche nella mia mente lo rivedo abbracciato alla mia vecchia amica?
Quando lei si è fidanzata con il suo amico, anche lui lo ha fatto... per non sentirsi da meno.
E ha scelto una a caso.
Non ME..



Lei poteva uscire con lui, lei poteva farsi vedere con lui, lei poteva scrivergli su facebook quello che voleva, lei poteva essere alla sua altezza, lei non aveva bisogno di tenere nascosto ciò che faceva con lui, lei poteva abbracciarlo quando voleva. Ma io NO.
La sola cosa che ho sempre potuto fare è stato... è stato cedermi a lui.
Per lui non ero "adatta" neppure per farlo davvero.
Lui mi ha USATA, usata fino allo sfinimento, fino a distruggermi...
HA SFRUTTATO IL MIO AMORE FINO ALL'ULTIMO GRAMMO.
E io per amore mi sono lasciata usare.
Per amore gli ho concesso di usare la mia bocca per il suo piacere,
e non per poter sfiorare le sue labbra...
quello MAI.
Sono stata un' I d i o t a. Perchè non mi amavo abbastanza.
Ho capito solo ora di aver calpestato sopra di me.
E' stata solo qualche ora fa che ho pianto per ciò che mi sono fatta.
E non per lui.

Non voglio più pensarci.
Vorrei chiudere gli occhi e dimenticare.
Ma COME...?
Vorrei vederlo e dirgli "Vaffanculo".
Ma PERCHE'...?
Ciò che ho fatto l'ho sempre voluto...lui mi ha solo assecondata.
Ciò che ho sempre fatto è ciò che mi chiedeva il mio cuore...
non la vera me stessa.
Lei mi diceva... che mi stavo sbagliando... E anche ora lo so...
Ma se lo rivedessi non sarei in grado di odiarlo, di essere fredda, di non farmi sfruttare ancora... PER QUESTO VORREI SVUOTARMI DA TUTTO L'AMORE CHE HO.
Vorrei rimanere v u o t a.


Vorrei svegliarmi domani mattina e dirmi che è stato tutto un
b r u t t o i n c u b o.
Vorrei tornare ad essere quella che pesava 70kg,
vorrei che tutto questo non fosse realmente successo,
vorrei che il mio cuore si ricucisse prima di doverlo rivedere...
ma so che è IMPOSSIBILE.
Non so più niente.
Voglio lasciare il mio cuore in stand-by.




"Cibo Tu sei l'assassino della vera Me Stessa".



Odio il cibo.

Non andremo mai daccordo.
Mai dico... non troverò mai un equilibrio...non voglio trovarlo.
Il cibo mi fa sentire sporca, fallita, grassa, obesa... Sì sono malata forse, ma l'unica certezza che ho è avere lo stomaco vuoto... è mangiare cibi senza grassi...senza zuccheri... senza un cazzo.
Solo latte, caffè, mele e verdura. S t o p.
Odio la normalità che il mondo impone, non la voglio... Ho capito che l'unico modo per esprimere la mia libertà è rifiutarlo, come ho sempre fatto da una vita.

Perchè in caso contrario devo ingerirne chili, quintali, fino a sentire la nausea crescermi... fino a voler vomitare fino a svuotarmi lo stomaco da ogni traccia di lui.
IN ALTRO MODO NON POSSO GUARIRE.
NON POSSO.
Riprenderò il mio ritmo a mò di the verde, caffè, dieta ristretta, lassativi e palestra.
La mia vita fa già abbastanza SCHIFO.

sabato 19 febbraio 2011

Per tutte Noi che non siamo in grado di amarci abbastanza.



Questa sera...
non è stato un sabato sera buttato, ne sono certa.
Stavo guardando delle foto della ragazza di Guido dove si stavano baciando, lui si lasciava baciare, sulle labbra, sul naso, sulla fronte... il suo profilo è riuscito a farmi battere il cuore per la milionesima volta. E poi...
...poi ho sentito lacrime scorrermi lungo le guance, e senza che me ne fossi resa conto avevo già riempito il mio piumone di piccole lagune di lacrime.
I miei occhi si sono via via fatti due invalicabili fessure, da cui queste continuavano a sgorgare... che non riuscivo, non potevo fermare.
Quella scena mi ha fatto più male di ogni altra cosa. DENTRO. Mi piangeva il cuore.
Perchè al posto di LEI, avrei potuto esserci IO.
Ma è da questo che ho capito... perchè Guido non mi ha MAI amata.
Semplicemente... perchè io non mi sono MAI amata abbastanza.
Si può amare una persona che non ama se stessa...?
La risposta è NO.


Ho cercato su google "Come farsi amare da un ragazzo". Ma la cosa non portava da nessuna parte... alla fine ho cercato "Come amarsi", e mi è apparso davanti questo sito meraviglioso, che sul serio è riuscito a cambiare qualcosa dentro di me...
http://www.maldamore.it/Amarsi_come_decisione.htm
Sono riuscita a rielaborare la mia vita, a capire dove ho sbagliato tutte le volte, a rendermi conto che io ho sempre annullato la VERA ME STESSA per dedicarmi totalmente alla persona che amavo... alle amicizie... mi sono scordata di me.
Mi sono scordata della ragazza che avevo dentro... che desiderava di più... che desiderava valere qualcosa in mezzo agli altri, e non essere lì per accondiscenderli e compiacerli.
Invece è l'unica cosa che ho saputo fare... non mi sono ascoltata.
Davo valore a Guido, ma mi sentivo una nullità io... non sentivo di meritarlo... e invece se ciò che desidero è stare con lui, devo dare prima di tutto valore a me stessa, non devo cedere alle sue proposte solo per poterlo vedere una sera. NO!
Così per lui sarò sempre un giochino, una ragazza "usa e getta"... invece devo valorizzarmi, devo mostrarmi egoista, fredda, indifferente con lui... solo così saprò farmi amare.
Questa sera ho preso la sua foto che conservo con tanta cura nel mio diario,
l'ho gettata a terra senza il benchè minimo rimpianto.
L'ho osservata da sopra, con un sorriso egoistico.
Ciò che ho detto a voce alta sono state queste parole:
"Io non ti cercherò mai più...
... d'ora in poi sarai tu a cercarmi, a desiderarmi...e ad amarmi".

Ho deciso di ripartire da Me.
Di fare l'egoista, come c'è scritto in quella pagina.
Di prendermi tutto ciò che voglio, che mi da gioia, che mi fa stare bene.
Di ridere quando voglio ridere, piangere quando voglio piangere, arrabbiarmi con chi voglio arrabbiarmi, e prendermi ciò che sono sicura mi spetti.
Di dimagrire quanto voglio dimagrire, di mangiare poco quanto poco voglio mangiare, di uscire quanto voglio uscire, di fare ciò che voglio fare, di fregarmene di ciò che credo non meriti per niente il mio interesse... è giusto così.
E sono fermamente convinta che da domani le cose andranno meglio.
Penso di essere io, la persona giusta per ME STESSA... e non qualche altro ragazzo.

Imprigionata ai ricordi...


Mi capita spesso di pensare al passato... a voi succede?

Guardo la ragazza che ero in foto un anno fa e la invidio, e la ammiro, come se fosse un modello da seguire... perchè lei sapeva vivere con il sorriso sulle labbra.
Ma chi le ha tolto quel sorriso...?
Sono stati Guido, l'anoressia, la bulimia, i ragazzi o le amiche...?
Per lo più ripenso alle giornate in cui vivevo, e non pensavo né al futuro né al passato, pensavo solamente a vivere il mio presente... ma ora tutto è cambiato.
E non so come.
Mi ritrovo a pensare al passato durante il giorno, e al futuro la notte... cerco di immaginarlo più bello, più felice, e non riesco a capire cosa realmente non vada nel mio presente...
no, non è neppure per le persone che mi circondano... anzi, circondarmi di alcune persone non mi faceva altro che male, ho dovuto chiudere con loro.
Forse ripenso al passato, perchè un anno fa amavo la mia vita, amavo chi ero, amavo come ero, ciò che avevo, quello che facevo... ora non amo più niente.
Anzi sì, "forse" lui...
ma non sono più nemmeno sicura di questo, per rendermene conto dovrei rivederlo... ma sono due mesi che non posso guardarlo negli occhi come prima.
Una volta ho pensato questo: "I suoi occhi sono lo specchio della mia anima".
Non ho più potuto specchiarmici... mi sono smarrita.

E' vero che rispetto a qualche mese fa sto migliorando, è vero che me ne frego molto di più ora e riesco a fare ciò che davvero è importante e non vivo più per gli altri...
ma è anche vero che mi sento persa, che non vedo più una precisa strada da seguire, non so più se ciò che faccio sia giusto o sbagliato, se sia bene o male, se mi porterà sulla strada giusta o se sarà una perdita di tempo... è questo che non capisco più.
La bulimia mi ha fatto perdere completamente... ho quasi timore a guardare in faccia la gente per paura di non riconoscermi, di non sapere cosa rispondere... perchè non mi amo abbastanza così.
Perchè VORREI ESSERE MAGRA.
E nient'altro di più.
m a g r a
A volte odio la gente.
Anzi la odio spesso.
Quando mi dicevano che ero "brutta", io mi piacevo, mi piacevo da morire... mi piacevo con la taglia 40-42. Ho cominciato a odiarmi quando ho ri-indossato la 44. Quando molti cominciavano a dirmi che ero "bella", ecco, è allora che ho ripreso ad odiarmi.
Mi sono odiata a morte quando qualcuno ha osato chiamarmi "splendida".
Perchè io non sono splendida, io mi vedo un mostro... e finchè non tornerò ad essere quella che ero niente cambierà.
All'improvviso ho sentito di essere cambiata per gli altri... perchè la dietologa, mio padre, tutti quanti mi hanno minacciata che se non ingrassavo mi avrebbero messa in una clinica, o all'ospedale, tutti mi minacciavano... sono ingrassata a forza.
Ho ripreso a mangiare odiando il cibo... e di conseguenza lo odio ora, che sono costretta a tenerlo nello stomaco.
Ho cercato per anni amore negli altri, avendo in cambio solo freddezza e opportunismo.
In tutto questo schifo, c'è una persona che mi ha insegnato a non incentrarmi solo sul mio corpo, a non essere egocentrica... lui, ciò che lui voleva dire è che se avessi dato il mio cuore completamente a qualcuno, avrei potuto essere felice e provare l'amore.
Ma quando ho dato il mio cuore a lui... ci ha saputo calpestare sopra come tutti.
Ero acciecata dall'amore, per questo non vedevo.
Interpretavo ogni sua azione come interesse per me... e ancora qualche volte la notte riesco a vedere ogni suo gesto nei miei confronti come interessamento.
Ma ora quella foschia se n'è andata, e riesco a vedere oltre a quella coltre bianca... riesco a vedere che io vedevo sfocato, che essere interessati a qualcuno vuol dire cercarlo spesso, non quando è comodo, non quando si ha un paio di ore libere...
E qui non centra che io sia MAGRA o GRASSA. Per lui, G., qualunque cosa io sia resterò sempre un oggetto, un oggetto fra le sue mani da usare a suo piacimento, un cuore innamorato di lui... tutto questo m i f a p i a n g e r e.
Sono una STUPIDA.
ILLUSA.
Gli ho creduto...
la realtà è che a lui di me non frega niente.

n i e n t e

Mi prenderò qualche giorno per riflettere.
Voglio ripartire in quarta nella mia vita.
Devo farlo.
DEVO DIMENTICARLO.
DEVO DIMENTICARLO.
DEVO DIMENTICARLO.
Devo lasciarlo al passato... perchè lui non saprà mai farmi felice.
Basta.
E' finita ormai.
E' finita per sempre.
Non meriti le mie lacrime e tutto questo G. Non da me.

Cielo senza nuvole.


Una nuova giornata. Splende il sole e il cielo è blu, senza nuvole.
Credo che oggi pomeriggio uscirò a fare una passeggiata, a fare qualche spesa... da sola, perchè non ho bisogno di avere qualcuno al mio fianco. Non oggi.
Oggi voglio stare solo in compagnia di me stessa.
Tanti mi criticavano per questo... perchè amavo stare da sola... ma ora ho capito che non è uno sbaglio, che avrei dovuto ascoltarmi molto prima...

Ieri notte mi è venuto da riflettere bene sulla mia vita, e ho capito una cosa davvero importante... ho capito, che io mi obbligavo ad essere ciò che non ero.
Mi ci costringevo, credendo che così mi sarei fatta accettare dal mondo, per questo motivo il cibo era l'unico diversivo per essere davvero me stessa... per svuotarmi da tutto quello che non ero, di cui mi vestivo. Mi vestivo di convenzioni per soddisfare gli altri.
Ma certo... prima di tutto, uscire con la mia amica F., "obbedirle", assecondare ogni sua richiesta solo perchè non volevo passare per l'amica egoista... avendo in cambio che cosa?
Critiche... indifferenza... opportunismo... questa si chiama amicizia?
Non mi stupisco che ora sia rimasta da sola, che non voglia più nemmeno guardare in faccia la nostra amica L. Ieri io e L. ci siamo sentite per telefono. Lei riesce a capirmi.
Quindi credo che sarà una delle poche amiche che mi terrò.
Sono stanca di circondarmi di doppie facce...
E ho capito che le doppie faccie prima o poi si rivelano. Senza eccezioni.

Con la dieta... bè ho trovato una SOLUZIONE.
Ovvero mangerò quello che mi pare... purchè cammini almeno un'ora al giorno. E ho scoperto che così facendo non mi viene voglia di abbuffarmi... perchè penso che se anche mangio poco quel poco lo smaltisco.

Ieri sera poi... è successa una cosa strana. Non molto strana... ma piu' "familiare".
Stavo tornando a casa dalla mia passeggiata verso sera, e quando ero a due passi dal mio cancello, un po' distante... ho visto una macchina uscire... era Guido. Sì era lui. E mi è capitato parecchie volte di incrociarci quasi all entrata di casa mia. E mi sono subito chiesta se fosse salito, se avesse sperato di vedermi...
Ma ho deciso di non farmi troppi problemi.. perchè se lui vuole vedermi, se desidera passare del tempo con me sarà lui a cercarmi. Io l'ho già cercato abbastanza...
e poi voglio prima di tutto ritrovare me stessa nel mio corpo.
Pensare alla dieta mi da forza.
Quindi credo che d'ora in avanti mi dedicherò a ME STESSA.

E soprattutto farò mia arte la "PAZIENZA". Con lei riuscirò a realizzare tutti i miei sogni, ne sono convinta.

Un abbraccio ragazze :*

venerdì 18 febbraio 2011

"Leggera come una piuma"


Vorrei avere un paio d'ali,
vorrei un paio d'ali che mi faccia volare via di qui,
la notte quando chiudo gli occhi...
Li apro in un sogno dove c'è la luna piena,
dove questo corpo non ha peso,
dove sono leggera,
ma piena.
Piena di tutto ciò che riempie il cuore.
Vorrei librare nell'aria,
libera e leggera come una piuma,
vorrei che la mia mente ondeggiasse come sulle onde dell'oceano,
e che i pensieri affogassero nell'acqua sottostante...
Ma all improvviso incontro te,
perchè anche tu con i tuoi pensieri stai librando nell'aria,
nella brezza di questa notte primaverile,
ti concedi un istante di leggerezza...
TU mi cerchi quando desideri quella leggerezza,
perchè è il mio mondo a fartici vivere.
Tu non sei un pensiero,
tu sei solamente un soffio di vento,
che misteriosamente mi spinge vicino a te.
Tu non sei una scelta,
tu sei il destino che avevo da sempre.

E io ti cerco quando ho bisogno di sentirmi leggera,
per non sentire il peso che questo corpo ha.
Quel peso che le tue mani traducono in aria,
ma che sanno riempire completamente il mio cuore.
Tu sei tutto.
Tu non puoi essere niente.
Tu solo puoi riempire il vuoto con cui sono nata dentro.
Nessuno mai ne è stato capace,
ma tu sì.
Perchè il mio destino sei tu.
E dovunque andrò esso mi condurrà sempre fino a te.
E' questa la mia unica certezza.
Quando tutto intorno a noi crollerà,
io sarò per te l'unico rifugio,
e tu sarai per me l'ultima speranza.
Sarà allora che potremo agrapparci l'uno all'altra.
Sarà allora che niente più potrà tenerci lontani.
Il tempo di stringerti,
e all'improvviso mi sveglio da quel sogno.
Quel sogno posso realizzarlo se lo desidero con il cuore,
devo solo proteggere il mio amore.
Il tempo lo renderà.
Io voglio crederci.